Cosmetoginecologia

Vitiligine

Vitiligine: un aiuto dalla natura

Reading Time: 3 minutes

La vitiligine è una malattia non contagiosa caratterizzata dalla comparsa sulla cute, o sulle mucose, di chiazze non pigmentate, ovvero di zone in cui manca del tutto la fisiologica colorazione dovuta al pigmento, la melanina, contenuto nei melanociti, che resterebbero vitali, ma smetterebbero di produrre melanina.

Le chiazze sono generalmente diffuse in tutto il corpo spesso in modo simmetrico, con predilezione per le regioni scoperte, come le mani, i gomiti, il viso, hanno colore decisamente bianco, con margini ben delineati e piuttosto scuri, ma la pelle delle zone colpite, a parte la modificazione cromatica, è assolutamente normale. Poichè non si possono proteggere con l’abbronzatura, le zone bianche sono facilmente soggette a eritema solare e scottature, come la pelle di un neonato, e vanno quindi protette mediante indumenti coprenti e/o creme ad altissima protezione con fattore superiore a 40.

L’origine della vitilìgine è sconosciuta, ma si sospettano fattori autoimmuni e/o predisposizione genetica. Non sono noti fattori scatenanti o favorenti, anche se è stata documentata una maggiore incidenza nei componenti di una stessa famiglia.

TRATTAMENTO
I trattamenti proposti si basano principalmente su esposizioni a raggi UVB a banda stretta e farmaci ad azione immunomodulante, ma sono sempre protratti per lunghi periodi.

Laser Eccimeri

RIMEDI NATURALI

Vitiligine babchiIn letteratura sono noti innumerevoli trattamenti naturali, più o meno efficaci e validati, tratti anche dalla medicina tradizionale cinese e indiana, per la terapia locale della vitiligine. Vi indichiamo alcuni dei rimedi naturali più noti per aiutarvi contro la vitiligine, tutti rimedi facilmente reperibili in commercio.

 

 

  1. Argilla rossa – L’alto contenuto di rame dell’argilla rossa può aiutare a ripristinare il pigmento della pelle e togliere le macchie bianche causate dalla vitiligine. Per ottenere i benefici dell’argilla rossa su come sbarazzarsi della vitiligine, semplicemente mescolare l’argilla rossa con la stessa quantità di succo di zenzero e applicare la pasta sulle aree cutanee colpite fino a quando si asciuga completamente. Dopo di che, risciacquare. Si dovrebbe usare l’argilla rossa ogni giorno per un paio di mesi.
  2. Rame – Si ritiene che il rame sia utile per aiutare la produzione di melanina. Il suggerimento per l’uso del rame è che si dovrebbe usare l’acqua che viene contenuta in un recipiente di rame o una pentola di rame a temperatura ambiente per una intera notte. Ricordatevi di non mettere quest’acqua in frigorifero, perché che può rendere l’acqua meno efficace distruggendo le sue proprietà. L’acqua, dopo una notte, può aiutare la produzione di melanina, perché è ricca di ioni di rame. Ogni mattina, a stomaco vuoto, bere l’acqua per il trattamento della vitiligine
  3. Zenzero – Lo zenzero è noto come rimedio domestico eccellente per trattare la vitiligine. Secondo l’erboristeria cinese, può aiutare a migliorare la circolazione del sangue e aiutare la produzione di melanina. Se soffrite di vitiligine, applicate una fetta di radice di zenzero fresco sulle aree cutanee colpite e poi lasciate sulla pelle fino a quando si asciuga. Si dovrebbe seguire questo suggerimento da 2 a 3 volte al giorno, fino a quando la condizione è migliorata nel giro di poche settimane. Il succo estratto dalla radice di zenzero con foglie di menta fresca può anche essere bevuto ogni giorno per qualche settimana.
  4. Olio di cocco – L’olio di cocco può aiutare a lenire la pelle e guarire la vostra infiammazione cronica grazie ai suoi benefici antibatterici. Inoltre, l’olio di cocco può favorire la re-pigmentazione della vostra pelle. Si può applicare l’olio di cocco extravergine 2 o 3 volte al giorno sulle vostre macchie almeno per un paio di settimane.
  5. Ginkgo Biloba – Molti studi hanno dimostrato che la ginkgo biloba può aiutare a guarire la vitiligine a causa della sua proprietà immunomodulante antiossidante. Inoltre, la ginkgo biloba può aiutare a ridurre la crescita della vitiligine e indurre re-pigmentazione. È consigliabile utilizzare circa 40-80 milligrammi di questo rimedio a casa 3 volte al giorno per il trattamento della vitiligine. È meglio consultare il proprio medico prima di utilizzare questa erba, per accertarsi che la ginkgo biloba sia adatta per voi e il dosaggio giusto.
  6. Babchi L’ultimo suggerimento su come combattere la vitiligine è usare la Babchi, chiamata anche Psoralea corylifolia o bakuchi, ben nota come rimedio ayurvedico utile contro l’ipopigmentazione. La Babchi contiene principi attivi che possono aiutare a ridurre le macchie bianche causate dalla vitiligine. È inoltre possibile utilizzare Babchi per il trattamento della psoriasi a causa delle sue proprietà antipsoriasici. Bisogna immergere i semi di questa erba in succo di zenzero per 3 giorni. Ricordarsi di sostituire il succo quotidiano. Dopo di che, strofinare i semi babchi tra le mani per rimuovere le bucce, essiccare al sole e poi macinare in polvere finissima. Prendere ¼ di cucchiaino (circa 1 g) di questo potere con un bicchiere di latte ogni giorno per quaranta giorni.