Cosmetoginecologia

Trattamenti: Terapie rigenerative

Biostimolazione e terapie rigenerative

Reading Time: 3 minutes

La medicina rigenerativa rappresenta un nuovo approccio terapeutico finalizzato alla rigenerazione biologica del tessuto anzichè alla sua sostituzione. I concentrati cellulari contengono numerosi e importanti fattori di crescita (GF) capaci di stimolare diversi meccanismi cellulari inerenti la crescita tissutale tra cui: l’angiogenesi, la chemiotassi dei macrofagi, la proliferazione e la migrazione dei fibroblasti e la sintesi del collagene.

Cellule staminaliLe cellule staminali, sono cellule non specializzate che si rinnovano attraverso la divisione cellulare per un periodo indefinito di tempo e che possono trasformarsi in cellule specializzate di vari tessuti dell’organismo. Grazie a questa proprietà le cellule staminali hanno la capacita’ di riparare organi danneggiati rimpiazzando cellule morte o non piu’ funzionanti. Le cellule staminali si trovano nell’embrione, in alcuni tessuti dell’adulto (ad esempio nel midollo osseo), e nel cordone ombelicale. A seconda della loro provenienza, le cellule staminali sono totipotenti se possono dare origine a qualsiasi tipo di tessuto, multipotenti se possono trasformarsi solo in alcuni tessuti.

Le piastrine esplicano, soprattutto durante il processo riparativo del danno tissutale, tutte le loro funzioni e in particolare: l’emostasi, il mantenimento dell’integrità capillare, la fagocitosi, il trasporto attivo, la riparazione, la cicatrizzazione e la secrezione. Lo stimolo riparativo e rigenerativo tissutale è indotto dai fattori di crescita contenuti negli alfa granuli delle piastrine e liberati durante il processo di formazione del coagulo. Questi ultimi stimolano la replicazione delle cellule mesenchimali ed esplicano azione chemiotattica verso polimorfonucleati, monociti e macrofagi. Sappiamo inoltre che i fattori di crescita (GF) sono piccoli frammenti di proteine biologicamente attive appartenenti al gruppo di citochine che si legano ai recettori di membrana per attivare (o inibire, se è il caso) la funzione cellulare, determinando una specifica rigenerazione delle cellule e lo sviluppo di tessuto in cui è collocato.

 

Staminali bersagliI fattori di crescita piastrinici sono numerosi e ognuno esplica una sua funzione specifica:

  • PDGF (Platelet Derived Growth Factor – stimola la replicazione delle cellule endoteliali e promuove l’angiogenesi)
  • EGF (Epidermal Growth Factor – responsabile della differenziazione cellulare e stimola la re-epitelizzazione, l’angiogenesi e l’attività del collagene)
  • IGF (Insulin Growth Factor – stimola la proliferazione e le diverse funzioni degli osteoblasti)
  • VEGF (Vascular Endotelium Growt Factor – induce un aumento della permeabilità dei capillari sanguigni, comportando la formazione di edema)
  • FGF: (Fibroblast Growt Factor – fattore di crescita dei fibroblasti)

Tra i fattori di crescita di trasformazione TGF (Trasforming Growth Factor) che regolano la proliferazione e la differenziazione di numerose specie cellulari vi sono:

  • TGF alfa: fattori positivi che trasformano la crescita cellulare, aumentandola.
  • TGF beta: fattori negativi che trasformano la crescita cellulare, inibendola.

VANTAGGI CLINICI

  • È una  “sostanza” naturale e di derivazione umana
  • Non esistono effetti collaterali quali possibili allergie o intolleranze
  • È privo di tossicità per i tessuti su cui è applicato
  • Promuove la formazione in pochi secondi di un coagulo ben aderente ai tessuti
  • È completamente riassorbibile nell’arco di pochi giorni
  • Stimola i processi riparativi e la crescita dei tessuti lesi su cui é applicato

EFFETTI CLINICI

  • Stimolazione della proliferazione cellulare
  • Stimolazione dei processi bioriparativi e rigenerativi
  • Stimola l’angiogenesi e la rivascolarizzazione dei tessuti
  • Stimolazione della proliferazione delle cellule mesenchimali
  • Stimolazione alle guarigione delle ferite
  • Stimolazione alla produzione di fibroblasti
  • Accelerazione della cicatrizzazione
  • Biostimolazione  alla produzione di collagene
  • Riduzione del dolore post operatorio
  • Riduzione delle infezioni post operatorie
  • Riduzione del sanguinamento post operatorio

APPLICAZIONI
Staminali bersagli2L’utilizzo delle cellule autologhe  per la medicina rigenerativa trova applicazioni cliniche in numerosi campi: chirurgia ortopedica, chirurgia maxillo-facciale, chirurgia odontostomatologica, cardiochirurgia, chirurgia oculistica, chirurgia delle ulcere cutanee croniche.

Infine si è dimostrato particolarmente utile in medicina e chirurgia estetica:

Chirurgia estetica: negli interventi di lipofilling associato al grasso permette che questo attecchisca nella zona dove viene iniettato in una percentuale più alta che se si introducesse isolatamente.

Medicina estetica: nei trattamenti di biostimolazione si è notata una maggior proliferazione dei fibroblasti, la produzione di collagene di tipo III, elastina e acido ialuronico dai loro precursori. I fattori di crescita determinano una specifica rigenerazione delle cellule e lo sviluppo del tessuto trattato.