Gravidanza e parto

Sproporzione cefalopelvica

Reading Time: 2 minutes

La sproporzione cefalo-pelvica si verifica quando la testa del bambino è troppo larga per attraversare la pelvi della mamma. Si pensa che la vera SCP sia rara, ma in molti casi di “arresto della progressione” durante il travaglio si fa diagnosi di SCP. Quando si effettua una diagnosi di vera SCP è indicato il taglio cesareo.

Che cosa causa la sproporzione cefalo-pelvica (SCP)?
Le possibili cause di sproporzione cefalo-pelvica sono:

  • Feto troppo grande per:
    1. fattori ereditari
    2. diabete
    3. post-maturità (gravidanza oltre il termine)
    4. multiparità
  • Posizioni fetali anormali
  • Pelvi piccola
  • Pelvi di forma anormale

Come si diagnostica la sproporzione cefalo-pelvica (SCP)?
La diagnosi di sproporzione cefalo-pelvica viene spesso adottata quando il progresso del travaglio non è sufficiente e la terapia medica come l’uso dell’ossitocina non è sufficiente. La SCP può raramente essere diagnosticata prima che il travaglio inizi, persino quando si pensa che il bambino sia grande o la pelvi della madre sia piccola. Durante il travaglio, la testa del feto si modella e le articolazioni pelviche si allentano, creando così uno spazio maggiore per far passare il feto attraverso la pelvi. Si usa l’ecografia per valutare il volume del feto, tuttavia non è accurata al 100% per misurare il peso fetale. Un visita per misurare i diametri della pelvi può essere a volte più accurata nel fare la diagnosi di SCP. Se non si riesce a fare una vera diagnosi di SCP, l’uso dell’ossitocina può servire a vedere se si riesce a migliorare la progressione del travaglio o la posizione fetale.

Cosa può succedere nelle gravidanze successive?
La sproporzione cefalo-pelvica è un evento raro. In accordo con l’American College of Nurse Midwives (ACNM), la SCP avviene in 1 su 250 gravidanze. Se ti è stata posta la diagnosi di SCP, questo non significa automaticamente che avrai problemi nelle gravidanze successive. In accordo con uno studio pubblicato dall’American Journal of Public health, oltre il 65% delle donne a cui è stata posta diagnosi di SCP nelle precedenti gravidanze erano in grado di partorire per via vaginale nelle gravidanze successive.