Cosmetoginecologia

Acne rosacea

Rosacea

Reading Time: 2 minutes

L’acne rosacea o semplicemente rosacea è una dermatite cronica infiammatoria (non contagiosa) che interessa di solito l’area centrale del volto e si manifesta con eritema, con teleangectasie e con lesioni acneiformi (cioè con papule e pustole simili a quelle dell’acne). Oltre ai problemi di pelle, la rosacea può provocare manifestazioni oculari e cheratite, eritema semipermanente, telangectasie, sensazioni di bruciore oculare e, in stadi avanzati, naso rosso e ingrossato. Acne rosaceaLa malattia può essere confusa e/o coesistere con l’acne comune, da cui si differenzia essenzialmente per l’età di insorgenza e per l’assenza di comedoni, e con la dermatite seborroica. Colpisce gli adulti di carnagione chiara con età di insorgenza fra i 30 e i 50 anni, ma talvolta anche in epoca puberale o post-puberale, e l’eritema è la prima tappa evolutiva e interessa guance, naso, fronte. L’acne rosacea colpisce entrambi i sessi, ma è almeno tre volte più comune nelle donne. La rosacea è favorita da un insieme di fattori: fragilità dei vasi costituzionale oppure acquisita; fattori di tipo emozionale, ormonale, allergico; temperatura; radiazioni solari.

Tuttavia l’eziopatogenesi della malattia è tuttora sconosciuta, ma molti ritengono che sia dovuta ad un danneggiamento dei vasi sanguigni, eccessivamente stimolati a dilatarsi. I leucociti e gli agenti infiammatori possono uscire dalla sede microvascolare e causare pustole e papule infiammatorie. Non è stata dimostrata una differente reattività dei vasi all’adrenalina, all’istamina o all’aceticolina rispetto ai soggetti non affetti, né sembrano avere alcun ruolo reale gli stress psicofisici, un certo tipo di personalità psicolabile, l’abuso di alcol o le alterazioni della funzione digestiva, come ipotizzato. Tuttavia un’anormalità neurovegetativa, causata da una digestione difficile, l’ingestione di alcolici e la stipsi ostinata sono tutte cause di infiammazione, di liberazione di istamina e, con il tempo, di situazioni che favoriscono la manifestazione di couperose.

acne rosacea2È stata notata invece la ricorrenza di casi di rosacea nell’ambito di una stessa famiglia, il che fa ipotizzare il ruolo di una predisposizione genetica alla malattia. Altro fattore importante è l’infezione da Helicobacter pylori, tale germe è in grado di liberare metaboliti nitrati che possono portare alla liberazione di ossido nitrico, potente vasodilatatore. Si parla di rosacea quando si ha un eritema persistente nella parte centrale del viso con una durata superiore ai tre minuti: il flush, le papule, le pustole, le teleangectasie sono elementi aggiuntivi, ma non indispensabili per la diagnosi. Occorre ricordare che i fattori ambientali e climatici influenzano il microcircolo e quindi le brusche variazioni di temperatura, il caldo, le radiazioni solari, l’umidità eccessiva, il vento peggiorano la couperose e la rosacea.

Per prevenire e combattere i sintomi può essere utile seguire alcune raccomandazioni generali: evitare il sole, le forti emozioni, i cibi piccanti; seguire un’alimentazione corretta limitando l’assunzione di alcolici e caffè; evitare l’uso di prodotti cosmetici irritanti; adottare uno stile di vita sano e regolato; proteggere la pelle dai raggi solari e dal freddo.

TRATTAMENTO
Laser Neodimio YAG
Luce Pulsata