Cosmetoginecologia

L'uso del laser

Il laser in cosmetoginecologia

Reading Time: 2 minutes

Il laser ed i trattamenti laser in cosmetoginecologia

Il trattamento laser viene eseguito con un particolare strumento chiamato LASER (dalle iniziali delle parole inglesi Light Amplification by the Stimulated Emission of Radiation ovvero “amplificazione di luce mediante emissione stimolata di radiazione”), dispositivo in grado di emettere un fascio di luce coerente e monocromatica, e (con alcune eccezioni) concentrata in un raggio rettilineo estremamente collimato.
Laser_luce_droppedImageSi tratta cioè di uno speciale raggio di luce costituito da onde parallele, capaci di concentrare un’altissima quantità di energia in un solo punto. Inoltre la luminosità (brillanza) delle sorgenti laser è elevatissima, a paragone di quella delle sorgenti luminose tradizionali.

Queste tre proprietà (coerenza, monocromaticità, alta brillanza) sono alla base del vasto ventaglio di applicazioni che i dispositivi laser hanno avuto e continuano ad avere nei campi più disparati: l’elevatissima brillanza, data dal concentrare una grande potenza in un’area molto piccola, permette ai laser il taglio, l’incisione e la saldatura di metalli; la monocromaticità e coerenza li rendono ottimi strumenti per misurare distanze, spostamenti e velocità anche piccolissimi, dell’ordine del millesimo di millimetro; sempre la monocromaticità li rende adatti a trasportare informazioni nelle fibre ottiche per distanze lunghissime.

La laser-terapia è attualmente sempre più utilizzata, oltre che in chirurgia, anche in medicina estetica. per correggere o migliorare difetti ed imperfezioni estetiche e/o funzionali, congenite o acquisite.
Ogni tipo di laser ha una propria lunghezza d’onda ed è in grado di colpire determinati tessuti bersaglio in modo selettivo, senza danneggiare i tessuti circostanti.
I vari tessuti hanno un differente contenuto di pigmenti (tipo l’emoglobina) e il laser risulta selettivo poichè permette di “colpire” soltanto determinati pigmenti.

Per ciascun inestetismo o patologia andrà quindi utilizzato il laser specifico e maggiormente efficace. Inoltre il trattamento laser varia anche per la sua durata e per il numero di sedute necessarie a completare la terapia.

Ricordiamo comunque che è sempre importante, sia per la sicurezza del paziente, sia per evitare rischi e complicanze, che per un risultato finale ottimale, che il laser venga adoperato da un medico con la necessaria conoscenza, esperienza e capacità e che il trattamento laser venga eseguito in una struttura seria ed affidabile.

Tipologia e caratteristiche dei Laser
In medicina vengono usati vari tipi di laser, ciascuno con una funzione specifica e in grado di eseguire particolari trattamenti, intervenendo quindi su determinate patologie o inestetismi.

I laser più importanti in uso in medicina e chirurgia estetica, cosmetica e plastica femminile sono:
Laser Alessandrite, Laser Neodimio Yag, Laser KTP 532, Laser CO2, Laser Fraxel, Laser Erbium Yag, Laser Q-Switched, Laser Diodo 810-910, Dye Laser, Laser a Eccimeri, Luce Pulsata