Cosmetoginecologia

Trattamenti: Epilazione permanente

Epilazione laser

Reading Time: 4 minutes

La depilazione mediante il laser, o più correttamente l’epilazione laser, è il trattamento per rimuovere progressivamente (ovvero in varie sedute e nel corso del tempo) ed impedire la ricrescita, dei peli superflui che possono crescere in varie zone del corpo. La procedura con il laser ha di fatto rivoluzionato il trattamento dei peli superflui.

Pelo crescitaL’energia del laser permette di distruggere le radici del pelo che si trovano nella fase di crescita attiva (anagen) e, grazie alla luce rossa che riscalda i follicoli dei peli, permette di effettuare una depilazione progressiva che nel tempo sarà in grado di ridurre la crescita del pelo fino all’eliminazione dello stesso follicolo. Gli altri peli, che al momento del trattamento depilatorio sono ‘dormienti’, dovranno essere trattati in una nuova seduta a distanza di circa uno o due mesi, quando anch’essi saranno in fase attiva.

Nella donna le condizioni più frequenti in cui si richiede la depilazione o l’epilazione sono l’irsutismo e l’ipertricosi.

L’irsutismo è un inestetismo femminile caratterizzato da eccesso di peli estesi in aree non abituali e con disposizione di tipo maschile. In particolare crescita di peli al volto, al centro del petto e intorno all’areola del capezzolo e/o la disposizione a rombo della peluria pubica. Ne esistono varie forme e può essere causato anche dall’assunzione di farmaci (ormoni androgeni, corticosteroidi, anabolizzanti), da un aumento di produzione endogena di androgeni o da un’aumentata sensibilità agli androgeni stessi.

L’ipertricosi invece indica tutti i casi in cui, nella donna, vi è un eccessivo sviluppo di peli in zone del corpo dove sono normalmente presenti: ascelle, pube, avambracci, braccia, gambe, schiena, spalle. Questa è più frequente nei soggetti di colorito bruno e varia in rapporto a caratteristiche razziali e familiari. L’ipertricosi può verificarsi nelle donne subito dopo la pubertà oppure può essere causata da disfunzioni ormonali o trattamenti ormonali; può essere solo un problema estetico privo di significato patologico, a meno che non sia l’inizio di un irsutismo.

Eliminazione dei peli superflui: depilazione ed epilazione
Ricordiamo che tutto il corpo è per natura ricoperto da peli, tranne le regioni palmare e plantare e le mucose; la depilazione può essere eseguita su tutte le parti del corpo ricoperte di peli superflui. Sotto il termine di eliminazione dei peli superflui in realtà si comprendono due concetti ben distinti che hanno un diverso significato e che indicano i trattamenti ai quali si ricorre per eliminare i peli in eccesso: depilazioneedepilazione.

DEPILAZIONE vuol dire eliminare il pelo dalla superficie della pelle, come pratica igienica o estetica, asportando tutta la parte esterna alla superficie della pelle.

EPILAZIONE significa invece asportazione del pelo nella sua interezza fino al bulbo pilifero compreso e può essere transitoria o permanente.

L’epilazione viene sempre condotta con mezzi fisici, quali:

Elettrocoagulazione/elettro-epilazione: trattamento di epilazione paramedicale che dev’essere sempre eseguito da un medico esperto. Si esegue attraverso un ago sottilissimo che penetra fino al bulbo pilifero distruggendolo con il passaggio di corrente ad alta frequenza. L’elettrocoagulazione è un trattamento piuttosto lungo e doloroso in quanto i peli vengono eliminati uno alla volta.
Strappo dei peli: si usano cerette e cere depilatorie che incorporano il pelo al loro interno e solidificandosi possono essere asportate a strappo (si fa aderire una tela compatta) asportando sia la cera che i peli.
Epilazione laser e con luce pulsata: il laser e la luce pulsata sono due moderne tecnologie per la depilazione definitiva (epilazione) che si basano sul concetto della fototermolisi selettiva: l’energia luminosa si trasforma in energia termica, provocando una vera e propria esplosione delle cellule del bulbo pilifero e la cancellazione dello stesso, per cui il pelo non ricrescerà più (epilazione definitiva).

Tutti i laser depilatori oggi disponibili emettono infatti una luce monocromatica altamente concentrata, ad una determinata frequenza, che viene assorbita in modo selettivo dalla melanina contenuta nel bulbo del pelo distruggendolo.

Vari fattori influenzano la depilazione definitiva, e in particolare:

  • Le fasi di crescita del pelo
  • Il colore del pelo
  • La diversa profondità dei follicoli
  • Precedenti trattamenti del pelo
  • Le unità follicolari per la ricrescita del pelo
  • La zona del corpo da trattare

DEPILAZIONE DEFINITIVA?
Labbra baffettiI risultati finali della depilazione laser, detta definitiva, ma meglio definita come “progressivamente permanente”, variano da paziente a paziente. Sono influenzati dal tipo di pelle e dei peli che devono essere eliminati (colore della pelle, colore dei peli, fase di crescita, profondità dei follicoli e delle unità follicolari, zona del corpo da depilare, abbronzatura, ecc..) per cui sono necessarie più sedute per eliminare i peli, perché questi si trovano in fasi diverse di crescita. Il trattamento deve essere ripetuto alla ricrescita dei peli, il numero di sedute varia da paziente a paziente ed in base alla zona da trattare, ma di solito sono necessarie da tre a sei sedute.

COME AVVIENE LA PROCEDURA LASER
Il raggio laser viene applicato sulla cute mediante un manipolo con punta raffreddata che permette di dirigere l’energia del laser alla radice del pelo, proteggendo e raffreddando la pelle circostante e riducendo così al minimo la sensazione di fastidio.
Durante la depilazione laser si può sentire un leggero pizzicore o fastidio che dipende dalla sensibilità individuale e della parte del corpo su cui avviene il trattamento.
Dopo il trattamento laser si manifesta un leggero arrossamento o edema della zona trattata che comunque scompaiono nel giro di poche ore.
L’esposizione al sole è sempre sconsigliata per almeno 7 giorni dal trattamento.

CONTROINDICAZIONI ALL’EPILAZIONE LASER
Il trattamento di depilazione laser con alessandrite è controindicato se la pelle è abbronzata, in questo caso si usa il laser NdYag, o se il paziente fa uso di farmaci fotosensibilizzanti. Inoltre la procedura laser non è molto efficace nel caso di peli bianchi e pelurie poco pigmentate: in questi casi è consigliato un trattamento di elettrocoagulazione eseguita da un medico esperto e preparato.

INDICAZIONI E CONSIGLI
Prima del trattamento non si deve effettuare un’epilazione mediante ceretta o pinzette, mentre è possibile una depilazione con creme o rasoio perchè garantiscono la presenza del bulbo pilifero nel follicolo stesso. Inoltre non è indicato schiarire i peli prima del trattamento laser in quanto questo è poco efficace sui peli chiari.

La depilazione laser o con luce pulsata è molto più efficace se:

  • i peli non sono biondi né bianchi
  • la carnagione non è scura oppure abbronzata
  • non vi sono sulla pelle lentiggini o macchie cutanee
  • vi è stabilità ormonale
  • i peli sono lunghi almeno 2-3 millimetri

QUALE CURA DOPO IL TRATTAMENTO?
Basta applicare una semplice crema idratante a base acquosa, con delicatezza per evitare lo spellamento. Si dovrebbe anche prendere l’abitudine di indossare una forte protezione solare (fattore 25 o più) sulle aree esposte.

TRATTAMENTO 
Si utilizzano esclusivamente laser a impulso lungo di vario tipo e tutti possono dare ottimi risultati, se usati da personale esperto e qualificato.

Laser Alessandrite
Laser Neodimio YAG
Luce Pulsata