Cosmetoginecologia

Couperose

Couperose

Reading Time: 3 minutes

La couperose è un inestetismo cutaneo dovuto ad una malattia dei vasi della pelle, originata da microbi o da disturbi del sistema endocrino, che colpisce soprattutto soggetti tra i 30 e i 50 anni e che si manifesta con la comparsa di un arrossamento intenso e cronico, localizzato prevalentemente sulle guance e sul naso, che si accentua soprattutto dopo i pasti e dopo esposizioni al caldo o al freddo. Si verifica prevalente nelle donne ed è Capillari visoconseguenza di una vasodilatazione del microcircolo sottoepidermico; se particolarmente frequente, nel tempo può indurre la comparsa di vere e proprie teleangectasie, cioè di vasodilatazioni permanenti dei capillari con la formazione di una sottile rete rosso-violacea visibile sotto l’epidermide.
Quando alla couperose si associano anche disfunzioni follicolari si può manifestare una dermatosi definita acne rosacea, riconoscibile per la comparsa di formazioni papulo-pustolose.

Acne rosaceaL’acne rosacea è una malattia infiammatoria della pelle (non contagiosa) che di solito colpisce la parte centrale del viso. Oltre ai problemi di pelle, la rosacea può provocare anche manifestazioni oculari e cheratite. Pur assumendo a volte un aspetto acneico si differenzia dall’acne essenzialmente per l’età d’insorgenza e per l’assenza di comedoni. La rosacea colpisce prevalentemente persone di carnagione chiara.

All’origine della couperose vi è la fragilità dei piccoli vasi, costituzionale o acquisita, sulla quale possono agire fattori diversi: emozionale, ormonale, allergico, ambientale e climatico (variazioni brusche di temperatura, radiazioni solari, eccessiva umidità, vento). Spesso questo inestetismo è associato alla presenza di disturbi all’apparato gastroenterico oppure ad una condizione di labilità psicologica ed emotiva.
Infatti i fattori neuro-vegetativi, endocrini e ambientali svolgono un’indubbia influenza nella comparsa di questa patologia. Le alterazioni neurovegetative infatti, causate da una digestione difficile, l’ingestione di alcolici e la stipsi ostinata sono tutte cause di infiammazione, di liberazione di istamina che con il tempo favoriscono la manifestazione di couperose.

Alcune raccomandazioni utili per prevenire e combattere la couperose sono:

  • Adottare uno stile di vita sano e regolato
  • Alimentarsi correttamente limitando il più possibile l’assunzione di alcolici e caffè, che contengono sostanze che possono accentuare l’inestetismo
  • Evitare l’utilizzazione di prodotti cosmetici irritanti e aggressivi
  • Proteggere la pelle da stimoli esterni dannosi come le radiazioni ultraviolette, i raggi solari e il freddo
  • Evitare quindi il sole, il vino, la birra, le forti emozioni, i cibi piccanti

Il trattamento con il laser produce da subito un miglioramento: gradualmente i capillari sclerotizzati o rotti dal laser verrano riassorbiti, fino a scomparire in maniera pressoché totale.
Tuttavia chi ne è predisposto potrà tendenzialmente e a lungo termine ripresentare il problema, magari dislocato altrove. Possono servire dalle 2 alle 4 sedute ambulatoriali a distanza di 45gg – 60gg.

Il paziente indossa gli appositi occhiali protettivi e si spalma una crema o si usa dell’aria fredda sulla zona da trattare per attenuare il fastidio del laser. Al termine della procedura si può applicare del ghiaccio per aiutare la pelle a sgonfiarsi.
Si deve evitare l’esposizione solare per i 3 mesi che precedono il trattamento e bisogna presentarsi presso l’ambulatorio col viso struccato.

Trattamento
Luce Pulsata
Laser ND Yag
Laser Ktp 532
Laser Diodo 810 – 910
Dye Laser